Commercio Primo Piano Settori Turismo

Obbligo di denuncia fiscale per la vendita di alcolici – Circolare esplicativa dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli n. 131411/RU

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha chiarito che i soggetti che:

1. abbiano avviato l’attività tra il 29 agosto 2017 e il 29 giugno 2019 senza denuncia fiscale per la vendita di alcolici, potranno consolidare la loro posizione entro il 31 dicembre 2019, secondo le modalità sotto esplicate;

2. nessun adempimento è richiesto per chi avesse avviato l’attività in data precedente al 29 agosto 2017 e dunque sia già in possesso della licenza fiscale;

3. per coloro che abbiano avviato l’attività successivamente al 30 giugno 2019, la SCIA presentata al SUAP vale quale denuncia ai sensi del D. Lgs. n. 504/1995 all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

 

in sede di conversione del c.d. DL “Crescita” (legge 28 giugno 2019 n. 58) è stato introdotto l’art. 13-bis che modifica l’articolo 29 del Testo Unico Accise – TUA (D. Lgs. n. 504 del 1995), il quale obbliga gli esercenti di impianti di trasformazione, di condizionamento e di deposito di alcol e di bevande alcoliche assoggettati ad accisa alla denuncia al competente Ufficio dell’Agenzia delle Dogane.
La modifica reintroduce l’obbligo di denuncia fiscale per gli esercizi pubblici, gli esercizi di intrattenimento pubblico, gli esercizi ricettivi e i rifugi alpini, i quali erano stati espressamente esclusi da tale obbligo ad opera della legge n. 124 del 2017 (legge annuale per il mercato e la concorrenza).

l’Agenzia chiarisce che:

1. sono sottoposti all’obbligo di denuncia anche gli operatori che hanno avviato l’attività in data successiva al 29 agosto 2017 e precedente al 29 giugno 2019 (vale a dire l’intervallo di tempo di vigenza della norma che aveva escluso l’obbligo). Per tali soggetti l’Agenzia ha previsto, in accoglimento delle richieste della Federazione, la possibilità di poter consolidare la loro posizione entro il 31 dicembre 2019, presentando all’Ufficio delle Dogane territorialmente competente la denuncia di avvenuta attivazione di esercizio di vendita, comprensiva di marca da bollo

.L’Agenzia ha predisposto per il caso di specie un modello di denuncia di avvenuta attivazione rinvenibile sul sito web della stessa e che, per maggiore comodità, si allega alla presente circolare ;

2. allo stesso modo dovranno procedere anche gli operatori che avevano effettuato la comunicazione preventiva al SUAP in data anteriore al 29 agosto 2017 senza completare il procedimento tributario di rilascio della licenza, a causa dell’intervenuta soppressione dell’obbligo di denuncia;

3. diversamente, gli operatori del settore che, avendo avviato l’attività in data precedente al 29 agosto 2017, siano già in possesso della licenza fiscale, non sono tenuti ad alcun ulteriore adempimento, in forza della piena efficacia della licenza in precedenza rilasciata.
Se però sono intervenute variazioni nella titolarità dell’esercizio di vendita, l’attuale gestore dovrà darne comunicazione all’Ufficio delle Dogane competente, al fine di procedere all’aggiornamento della licenza di esercizio.
In caso di smarrimento o distruzione della licenza fiscale a suo tempo rilasciata, occorrerà chiederne un duplicato al medesimo Ufficio;

4. per gli operatori che abbiano avviato l’attività a partire dal 30 giugno 2019, l’Agenzia delle Dogane, inoltre, ricorda che la tabella A allegata al D. Lgs. n. 222/2016 dispone nella sottosezione 1.10 che la SCIA presentata al SUAP all’avvio della vendita al minuto o della somministrazione di alcolici vale quale denuncia ai sensi del D. Lgs. n. 504/1995 all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Pertanto, per le attività avviate a far data dal 30 giugno 2019, la disposizione di cui sopra produce l’assorbimento della denuncia di attivazione ex art.29, comma 2 del D.Lgs n. 504/95 da parte della SCIA presentata al SUAP, il quale è tenuto alla trasmissione della stessa all’Ufficio delle Dogane. In definitiva, chiarisce l’Agenzia “qualora l’interessato si avvalga del modulo procedimentale incardinato presso l’autorità comunale non occorre presentare la denuncia a questa Agenzia, sempreché la suddetta comunicazione sia stata trasmessa all’Ufficio delle dogane territorialmente competente”.

 

 

Collegamenti https://www.adm.gov.it/portale/documents/20182/3668456/modello+denunciadi+avvenuta+attivazione+esercizio+vendita+alcolici.pdf/010d1ae4-a2d2-4964-ae66-f13235b3ddd0

Ti potrebbe anche interessare

Le opportunità finanziarie per le imprese – A Vibo Valentia un incontro formativo

calcentrale

FIPE: STATO DELL’ARTE SULLA DISCIPLINA DEGLI “HOME RESTAURANT”

calcentrale

Catanzaro: inizia il nuovo corso per Sab e la vendita di alimenti

calcentrale

Inizio corso lingua spagnola sede di Crotone

calcentrale

Decreto Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro n. 178 del 19 aprile 2019 – Incentivo Occupazione Sviluppo Sud

calcentrale

Corso di abilitazione per la vendita e la somministrazione di alimenti e bevande

calcentrale

Lascia un Commento