Bandi e Finanziamenti Bandi Nazionali Primo Piano

TAX CREDIT LIBRERIE. Credito di imposta a favore delle attività di vendita di libri al dettaglio.

TAX CREDIT LIBRERIE. Credito di imposta promosso dal Ministero per i beni e le attività culturali (MIBAC) per la vendita di libri al dettaglio.

Descrizione completa del bando

A decorrere dall’anno 2018, agli esercenti che operano nella vendita al dettaglio di libri in esercizi specializzati con codice ATECO principale 47.61 o 47.79.1, è concesso un credito di imposta.

Soggetti beneficiari

Esercenti che operano nella vendita al dettaglio di libri in esercizi specializzati con codice ATECO principale 47.61 (Commercio al dettaglio di libri nuovi in esercizi specializzati) o 47.79.1 (Commercio al dettaglio di libri di seconda mano).

Sono ammessi al beneficio gli esercenti:

  1. che abbiano sede legale nello Spazio Economico Europeo;
  2. che siano soggetti a tassazione in Italia per effetto della loro residenza fiscale, ovvero per la presenza di una stabile organizzazione in Italia, cui sia riconducibile l’attività commerciale cui sono correlati i benefici;
  3. che siano in possesso di classificazione ATECO principale 47.61 o 47.79.1, come risultante dal registro delle imprese;
  4. che abbiano sviluppato nel corso dell’esercizio finanziario precedente ricavi derivanti da cessione di libri o nel caso di libri usati, pari ad almeno il 70% dei ricavi complessivamente dichiarati.

Entità e forma dell’agevolazione

E’ concesso un credito di imposta fino all’importo massimo annuo di € 20.000,00 per gli esercenti di librerie che non risultano ricomprese in gruppi editoriali dagli stessi direttamente gestite e di € 10.000,00 per gli altri esercenti.

Con riferimento a ciascun gruppo editoriale che ricomprenda una o più librerie gestire direttamente, il credito di imposta può essere riconosciuto complessivamente, per ciascun anno, per un importo massimo pari al 2,5% delle risorse disponibili.

Il credito di imposta viene parametrato, con riferimento al singolo punto vendita, agli importi pagati dagli esercenti per:

  • Imposta municipale unica – IMU;
  • Tributo per i servizi indivisibili – TASI;
  • Tassa sui rifiuti – TARI;
  • imposta sulla pubblicità;
  • tassa per l’occupazione di suolo pubblico;
  • spese per locazione, al netto IVA;
  • spese per mutuo;
  • contributi previdenziali e assistenziali per il personale dipendente.

Scadenza

Domande dal 1 luglio 2019 e fino alle ore 12:00 del 30 settembre 2019.

Ti potrebbe anche interessare

SABATO 4 GENNAIO AL VIA I SALDI IN CALABRIA

calcentrale

Corso sab e settore alimentare

calcentrale

Corso gratuito di Coaching. Ieri il 1° incontro

calcentrale

PATRONATO 50&Più Enasco- NUOVO SPORTELLO DEDICATO Quota 100- Area territoriale Crotone

calcentrale

Corso per Agente d’affari in mediazione- settore immobiliare

calcentrale

Consegna attestati corso giovani ed aspiranti imprenditori.

calcentrale

Lascia un Commento